Notizie e risultati

22 agosto 2019

GRETA & GIOELE VESTONO AZZURRO: SI VOLA IN CANADA PER IL SOGNO IRIDATO

Ieri l’ufficialità della convocazione in nazionale per i campionati del mondo al via tra 10 giorni in Canada. Sul mitico tracciato di Mont Sainte Anne la Blur CC è pronta a dare il meglio di se, Greta e Gioele faranno il resto!…

I risultati delle ultime prove di coppa avevano lasciato aperta una porta per Greta, forse solo una porticina per Gioele. Un traguardo difficile, per entrambe, ma di certo non impossibile. E cosi nella giornata di ieri è arrivata l’ufficialità della convocazione per Greta Seiwald e Gioele Bertolini chiamati dal CT Mirko Celestino a difendere i colori azzurri ai campionati del mondo in programma a Mont Sainte Anne in Canada.

“Dopo quella maledetta giornata ad Alpago in cui ho buttato all’aria la possibilità di lottare per il titolo tricolore credevo d’aver perso ogni possibilità – ha commentato Greta questa mattina – poi però, invece di piangermi addosso, ho preferito reagire ed ho fatto di tutto affinché il CT della nazionale potesse notare il mio stato di forma. Si, ho fatto di tutto per metterlo in crisi sulle sue decisioni ed a quanto pare ci sono riuscita. Su di un tracciato difficile come la Val di Sole mi sono difesa bene. A Lenzerheide solo un salto di catena mi ha tenuto fuori dalla top five. Mi sono guadagnata con sacrificio e fatica la fiducia di molte persone, ma non mi basta. Ora sta a me non deluderle onorando al meglio questa grande opportunità. Ora non esiste più margine d’errore. È il nostro momento e non intendiamo sprecarlo!”

A fianco di Greta nel lungo viaggio iridato oltre oceano ci sarà anche Gioele Bertolini. Autore di una crescita di forma costante nell’iter di avvicinamento al mondiale, ma colpevole di qualche incostanza di risultato nelle ultime prove di coppa: “Mi sento soddisfatto a metà – ha commentato #IlBullo – non basta indossare una maglia azzurra per sentirsi arrivati. Vestire i colori della nazionale implica prima di ogni altra cosa avere grande responsabilità nei confronti di ciò che rappresenta. Dopo le ultime due prove di coppa non posso essere soddisfatto dei miei risultati, è innegabile. In Val di Sole avrei potuto fare ancora meglio. A Lenzerehaide non è girata bene. Per questo motivo vedo in questa chiamata una possibilità di riscatto. Per me, per chi mi supporta, per chi crede in me e per tutti gli appassionati di mountain bike che come me vivono l’amore per questo sport incondizionatamente.”

“Il tracciato canadese è davvero esigente, forse il più tecnico e completo del panorama mondiale – conclude Bertolini – ma io e Greta sappiamo d’avere un’arma in più. Le nostre Blur CC si troveranno come a casa. Su di un tracciato che pare essere disegnato per le loro caratteristiche. Insomma, ora tocca a noi!

unnamed(83) unnamed(84)

 

Comunicati stampa